martedì 30 aprile 2013

KRANZ CON MARMELLATA DI MIRTILLI E GOCCE DI CIOCCOLATA





Una ricetta veramente invitante per aprire una colazione.... ancora assonnati, caffè fumante e richiamo di dolce.
Ci sono parecchie ricette per i kranz ,fare la pasta sfoglia tradizionale è laboriosa, questa ha solo due passaggi cruciali per il resto deve solo riposare......altrimenti per accorciare i tempi potete sempre optare per la sfoglia già pronta, utilizzando gli stessi ingredienti per il ripieno. 
Mi sono attenuta alle dosi della ricetta di Sara Papa,maestra di pane e lievitati

INGREDIENTI:
per l'impasto sfogliato:

500 grammi di farina 0
300 grammi di acqua
170 grammi di lievito madre o 16 grammi di lievito di birra
200 grammi di burro(se vegan provare burro di soia o margarina)
10 grammi si sale

Farcia per il ripieno:

Marmellata di albicocche,pesche o mirtilli
uvetta
gocce di cioccolata
granella di mandorle


Impastiamo la farina con l'acqua appena tiepida,aggiungendo il lievito.
Solo dopo aver amalgamato bene l'impasto aggiungiamo il sale che non deve entrare in contatto con il lievito.
Facciamo riposare l'impasto per 15 minuti e su un tavolo da lavoro infarinato cominciamo a stendere la pasta creando il più possibile un rettangolo.
Una volta stesa, la pieghiamo a libro in 3 sovrapponendo i lembi più corti  [__]___[__] e la facciamo riposare in frigo per 30 minuti.
Tra due fogli di carta da forno stendiamo il burro a rettangolo sottile di spessore.
Riprendiamo il libro di sfoglia freddo e lo stendiamo nuovamente senza spingere molto con il mattarello, creiamo nuovamente un bel rettangolo che dovrà ospitare perfettamente la nostra lastra di burro.
Adagiamo la lastra sopra la pasta e richiudiamola a 3 passando sopra il mattarello come per sigillare all'interno il burro la ristendiamo delicatamente e la ripieghiamo a 3 nuovamente.,lasciandola riposare  questa volta per 1 ora in frigo.
Una volta riposata si prende ,si stende e si taglia il rettangolo in 2 , perfettamente a metà.
Si farcisce il primo pezzo mettendo sopra marmellata,uvetta,gocce di cioccolata e granella di mandorle.
Si adagia sopra l'altro rettangolo e si mette il resto della farcia.
Si creano delle belle strisce di pasta che si arrotolano a spirale e si fanno, a questo punto, lievitare fin quando non saranno ben gonfi.
Con il lievito di birra la lievitazione sarà molto più rapida di quella con il lievito madre.
Mettiamo a cuocere a 180° gradi forno caldo  per 30 /40 minuti controllando il forno verso la fine.



RITORNO A CASA




Un'assenza di ben 15 giorni...non mi sembra vero di essere tornata ad occuparmi del mio adorato blog.
Purtroppo il nostro caro internet, a volte, ci procura delle brutte sorprese, lasciandoci così ....all'improvviso. Fortunatamente tutto si è risolto per il meglio e sono felice di essere di nuovo qui, con chi mi segue e mi fa sentire l'affetto e la gioia di cucinare insieme.
Quanto mi siete mancati, amici del blog....allora ricominciamo?? Siiiiiiiiii.
Sperimenteremo nuove ricette!!!!
In queste due settimane, ho cominciato un corso di cucina vegana. Probabilmente non a tutti interessa, ma è un mondo che mi ha sempre affascinato e che non avevo ancora approfondito adeguatamente.
Vegetariana si lo sono già , ma diventare vegana non è un passaggio semplice da fare,(soprattutto se si devono fare i conti con una famiglia che ama la cucina tradizionale!!!).I dubbi, le perplessità su ciò che significa essere vegano nella sue essenza ,il cosa mangiare sono tra i maggiori interrogativi che mi sono posta.
Senza nessun dubbio è una cucina etica, profonda,che nasce dal grande rispetto della natura e degli animali ma che ognuno ha la facoltà di interpretare senza troppi preconcetti e moralismi. Ogni persona sviluppa delle proprie convinzioni e quando si cucina non entrano in ballo!!!!.Questo l'ho capito solo grazie a due persone veramente speciali Alessandra e Paolo, straordinari chef vegani , che con un linguaggio semplice e tanta , tanta pazienza sono riusciti a creare un gruppo di lavoro veramente affiatato.Un meraviglioso corso che consiglio a tutti ,dove le conoscenze tecniche ventennali dei nostri chef, vengono messe, senza trucchi, a disposizione di tutti noi , con grande semplicità ed allegria.
Vegan Riot, non rappresenta  verdurine,tristezza e persone depresse  ma   rappresenta ottimo cibo, gioia ed entusiasmo di far parte di un mondo da tutelare, rispettare e vivere.

lunedì 15 aprile 2013

TORTINO DI ZUCCHINE CON RICOTTA BIO







Ricotta freschissima bio ancora calda, presa da un piccolo produttore locale,cosa fare?
L'idea di mangiarla in purezza è già venuta a tutta la famiglia,ma con i 300 grammi rimasti ora ci faccio 
dei bei tortini!!!! 

INGREDIENTI per 12 tortini
12 fiori di zucca grandi 
3 zucchine medie
300 grammi di ricotta pecora
6 pomodorini ciliegino
3 uova
1 porro
2 cucchiai di parmigiano
sale qb
burro per ungere i pirottini

12 pirottini di alluminio per muffin


In una padella mettere l'olio con  il porro ,dopo aver tolto la parte superiore più dura.
Tagliamo le zucchine a piccoli pezzi e d aggiungiamole al porro che sta imbiondendo.
Una volta cotte ed insaporite aggiungiamo un pizzico di sale e frulliamo con la ricotta setacciata.
Il composto risulterà denso e cremoso, lo mettiamo in una terrina aggiungiamo parmigiano e cominciamo ad incorporare un uovo alla volta.
Imburriamo i pirottini e copriamo con il fiore di zucca aperto senza base e pistillo.
Versiamo il composto a 3/4 del pirottino e guarniamo sopra con una metà di pomodorino privato precedentemente dei semini.
Forno a 200° per 30 minuti controllando la cottura.
Vanno serviti appena tolti dal forno rischio l'effetto sufflè......

VI PRESENTO...... IL MIO LIEVITO MADRE







Ho parlato dell'utilizzo del lievito madre in qualche ricetta ma è arrivato il momento di presentare il protagonista.
Molta pazienza ,molte prove,qualche delusione all'inizio..il pensiero di aver sbagliato qualcosa ,ma alla fine un risultato appagante ,una soddisfazione e una gioia che solo chi ama profondamente la cucina può comprendere.
Questo lievito madre non ha starter di nessun tipo.
Ci sono diversi metodi di impasto (farine differenti) e diversi starter (miele,yogurt,zucchero etc), io mi sono sfidata ed ho agito solo con acqua e farina.Quando utilizziamo il lievito madre entriamo in un mondo fatato,due semplici ingredienti che con la loro unione ci regalano profumi e prodotti unici....quelli di una volta ormai rari da trovare.Volete provare?

INGREDIENTI per partire:
200 grammi di farina 0 bio
100 grammi di acqua

In una ciotola di vetro mettiamo la farina ,facciamo intiepidire leggermente l'acqua e cominciamo ad unire i due ingredienti,lavoriamola un po fin quando non abbiamo ottenuto una pallina compatta .
Copriamo con un foglio di pellicola trasparente che foriamo 5 volte con uno stecchino.
L'impasto deve arieggiare e venire in contatto con l'aria per sviluppare i meravigliosi microorganismi che contribuiranno alla lievitazione finale.
Personalmente ho lasciato l'impasto a temperatura ambiente ,altri lo mettono in frigo.
Il giorno successivo e così per almeno altri 15 giorni dobbiamo dedicarci al "RINFRESCO" dell'impasto, praticamente dobbiamo pesare il risultato ottenuto di lievito madre aggiungere la stessa quantità di farina e la metà di acqua tiepida  e mischiare tutto insieme.
Esempio: 250 lievito ottenuto---->250 farina-125 acqua oppure
              300 lievito ottenuto---->300 farina-150 acqua
Parecchie persone per non portare avanti enormi quantitativi di lievito madre lasciano solo un quantitativo di 200 grammi da lavorare ogni giorno ed il resto lo buttano.
Io ho lavorato sempre tutto il quantitativo e poi l'ho regalato ...
Dobbiamo continuare con i nostri rifreschi almeno una volta al giorno per 15 giorni,avendo l'accortezza ogni volta  di togliere la parte dura che si forma sullo strato superficiale che va assolutamente eliminata.
Passati i 15 giorni ed avendo alimentato il nostro lievito,dalla ciotola passiamo ad un barattolo alto( come nella foto), da questo momento cominciamo a vedere se abbiamo fatto un buon lavoro o se abbiamo ancora bisogno di rinfrescarlo per qualche altro giorno .
Dopo aver fatto il rinfresco inseriamo il nostro lievito madre facendolo aderire bene alla base del barattolo,copriamo  con pellicola trasparente sempre forata e se il nostro lievito è riuscito, in termine di 4-6 ore lo vedremo triplicare o quadruplicare.
La cosa importante e non trascurare nessun giorno di lavorazione per avere un prodotto attivo e profumato.
Il profumo deve essere gradevole con un leggero sentore di yogurt.
L'alveolatura è presente quando il processo di lievitazione è attivo.
Quando togliamo parte del lievito per utilizzarlo ,quello che rimane collassa un po ma si riprende subito dopo rigonfiandosi nuovamente. A questo punto possiamo rinfrescarlo anche ogni 3 giorni ,o una settimana tenendolo in frigo. Non dimentichiamolo perchè senza pappa il lievito muore.Eventualmente congeliamolo perchè si può fare.
Il quantitativo di lievito madre paragonato ad un cubetto di lievito di birra da 25 grammi è di circa 220 grammi.
La nostra lievitazione sarà più lunga  del lievito di birra o di quello chimico ma il sapore del pane e della pizza non ha paragoni e poi sappiamo che lo abbiamo fatto noi .......

domenica 14 aprile 2013

MEZZELUNE CROCCANTI CON SORPRESA

                              

                                             

I miei figli li adorano,ma questa volta invece di comprarli li 
ho fatti.Il ripieno è sostanzioso e cremoso nulla  da invidiare a quelli più conosciuti sul mercato.Una ricetta con qualche passaggio cruciale ma fattibilissima. 

Girovagando in siti di cucina ho messo a confronto delle ricette,più o meno simili tra loro.
Cambia, molto spesso ,solo il condimento interno che è soggettivo e appaga i gusti di ognuno.Il risultato è stato ottimo con una cottura light in forno.

INGREDIENTI per 12 sofficini da 12 cm di diametro
250 grammi di latte intero
250 grammi di farina 0
1 noce di burro
 sale qb

per la panatura:
pangrattato
2 uova bio

Mettiamo in una pentola, sul fuoco, latte e burro, quando saranno a bollore togliamo dal fuoco ed incorporiamo la farina precedentemente setacciata, amalgamiamo gli ingredienti unendo un pizzico di sale.
Una volta girato bene, mettiamo l'impasto a riposare fin quando sarà ben freddo.
Occorre coprirlo con carta pellicola per non farlo seccare.
Quando si sarà raffreddato, lo stendiamo con l'aiuto di un mattarello, infarinando bene il piano di lavoro e con una ciotola o un coppapasta da 12 cm creiamo dei dischi.
Lo spessore della pasta deve essere di circa 2 -3 mm .
Possiamo aggiungere internamente del pomodoro e besciamella, funghi e besciamella, verdure a scelta con mozzarella,tutte ottime combinazioni da provare.
Per la besciamella vi rimando alla sezione IMPASTI DOLCI E SALATI dove troverete la spiegazione.
Dopo aver riempito i nostri cerchi ,li chiudiamo a metà e li sigilliamo con la punta delle dita per far chiudere bene la pasta.
Sbattiamo le uova in un piatto e in un altro mettiamo del pangrattato.
Ogni sofficino lo passiamo prima nell'uovo e poi nel pangrattato .
Una volta completata l'operazione per tutti i sofficini , possiamo friggerli o metterli al forno cosparsi di olio a 200° forno già caldo  per 20 minuti.


 

giovedì 11 aprile 2013

SPAGHETTI DI KAMUT CON CREMA DI RADICCHIO






Un bel piatto di spaghetti è sempre cosa gradita soprattutto quando ad insaporirli viene utilizzato un ortaggio freschissimo di stagione.
Ho creato una crema di radicchio che ho arricchito con un'aggiunta di panna di soia che adoro.

INGREDIENTI per 4 persone:
400 grammi di spaghetti di kamut
1cespo di radicchio di treviso
olio evo
1/2 confezione di panna di soia
parmigiano a piacere

Mettiamo a bollire l'acqua e cuociamo gli spaghetti al dente per 10 minuti(cottura leggermente più lunga ).
Laviamo il radicchio , lo tagliamo a pezzi piccoli  togliendo solo la parte finale.
Mettiamo nel mixer o frullatore l'olio ed il radicchio crudo. Creiamo una crema il più possibile liscia , aiutandoci con l'aggiunta di olio di tanto in tanto .
Ho usato questo metodo a crudo, per evitare la cottura lunga del radicchio, che farebbe perdere, a questo preziosissimo ortaggio, tutte le vitamine di cui abbiamo bisogno.
Mettiamo in padella il composto, solo per scaldare la salsa, con l'aggiunta di panna e un pizzico di sale.
Una volta cotti gli spaghetti, li versiamo nella padella e li insaporiamo.
Impiattiamo e mettiamo parmigiano a piacere.


FRITTATA RICCA CON SEITAN E MOZZARELLA






Direi proprio un piatto unico, una frittata con scalogno arricchita con seitan e fettine di mozzarella....un bel contorno di pomodorini ciliegino e la cena è fatta.

INGREDIENTI per 4 persone:
6 uova 
3 scalogni grandi
2 fette di seitan 
3 fette di mozzarella
15 pomodorini ciliegino 
sale qb
olio evo

Mettiamo in una padella dell'olio ,facciamolo ben caldo e versiamo i nostri scalogni tagliati a fettine sottili.
In una terrina rompiamo le uova e con l'aiuto di una forchetta le sbattiamo aggiungendo una punta di sale.
Quando lo scalogno si sarà ammorbidito versiamo le uova e giriamole ,appiattendole per farle cuocere bene.
Giriamo la frittata con l'aiuto di un piatto grande unto di olio e cuociamo anche dall'altra parte( ho l'abitudine di girarla perchè mi piace avere la frittata ben dorata da entrambe le parti).
Quando ancora siamo sul  fuoco, aggiungiamo il seitan sbriciolato e la mozzarella a fettine e con l'aiuto di un coperchio facciamo fondere il formaggio ed amalgamare e insaporire.
Appena la mozzarella si sarà sciolta, mettiamo la frittata su un piatto da portata e decoriamo intorno con i pomodorini tagliati a metà e conditi con olio e sale.


martedì 9 aprile 2013

PANE CON LIEVITO MADRE AL FARRO





Questa volta l'ho fatto lievitare per un pomeriggio nello stampo del plumcake è venuto morbidissimo come un pancarrè ottimo per toast o panini .....il lievito madre è tutta una scoperta.

INGREDIENTI:
220 grammi di lievito madre
1 piccolo pezzo( circa 5 grammi) di lievito di birra
800 grammi circa farina di farro 
2 bicchieri di acqua
1 pizzico di sale

Prendiamo il nostro lievito madre e mettiamolo in una ciotola, facciamo intiepidire due bicchieri di acqua e sciogliamo dentro il piccolo pezzetto di lievito di birra.
L'acqua deve essere soltanto intiepidita per non rischiare che il lievito si bruci e perda le sue proprietà.
Versiamo tutto insieme e cerchiamo di sciogliere il più possibile il lievito madre nel liquido,non fa nulla se rimangono dei pezzi, con la lavorazione si scioglieranno benissimo.
Cominciamo ad aggiungere la farina.
Questa volta ho voluto usare quella di farro ma è stata una mia scelta , qualsiasi farina va bene.
Cominciamo ad inserire la farina poco alla volta e giriamo con una paletta di legno.
Continuiamo a incorporare farina,fin quando non vediamo che possiamo lavorarlo con le mani.
Il "circa" della farina è perchè non sempre le quantità di acqua e lievito sono perfettamente identiche .....quindi lavoriamola energicamente fin quando otteniamo un bel panetto liscio e non appiccicoso.
Foderiamo uno stampo di plumcake grande con della carta da forno e mettiamo il nostro impasto.
Copriamolo con un telo di cotone e dimentichiamo per qualche ora di averlo impastato.
Quando cominciamo a vedere che il nostro telo come per magia si comincia a gonfiare.......ecco che dobbiamo accendere il forno a 200 ° farlo caldo  ed abbassare la temperatura a 180° cuocere per circa 35 minuti. Controllare la cottura ben dorata con uno stecco di legno ,se uscirà pulito il pane e cotto.
Toglierlo dal forno e far freddare su una gratella per evitare che il pane sulla base diventi umido.


lunedì 8 aprile 2013

RISO VENERE CON VERDURE , MONTASIO E FONTINA




Un riso particolare, di grande effetto cromatico quando si porta in tavola, la cottura di 40 minuti lo fa rimanere ben al dente e il suo profumo si percepisce nettamente quando si assaggia.
IL riso nero, da studi recenti, è stato classificato come un anticancerogeno importante, infatti ,contiene potenti antiossidanti , combatte i radicali liberi ed è ricco di vitamine.Sicuramente un alimento da inserire nella nostra 
dieta ,data la versatilità del suo utilizzo.

INGREDIENTI:
300 grammi di riso venere
1/2 peperone
1 manciata di pisellini congelati
10 pomodorini ciliegini
2 funghi champignon
10 olive verdi e nere denocciolate
2 cucchiai di giardiniera (carote e citriolini)
3 cuori di carciofo
1 fetta di montasio 
1 fetta di fontina
1 spicchio di aglio
sale qb
olio evo qb

Tagliamo sottilmente il peperone e lasciamo ammorbidire in un soffritto di aglio ed olio, aggiungiamo i funghi tagliati a fettine e  facciamo cuocere assorbendo  tutta l'acqua, mettiamo i pisellini ed i cuori di carciofo tagliati e lasciamo insaporire il tutto .
Cerchiamo di non cuocere troppo le verdure e saliamo alla fine della cottura.  .
Lasciamo freddare ed intanto tagliamo a piccoli pezzi  la giardiniera, le olive, i ciliegini ed i formaggi.
Versiamo tutto in una terrina e condiamo con abbondante olio evo.
A questo punto lessiamo il riso nero per circa 40 -45 minuti, o come riporta la vostra confezione, lo facciamo raffreddare e  lo uniamo alle verdure e formaggi. 
Possiamo prepararlo in anticipo.

LASAGNA CON BIETA E SCAMORZA AFFUMICATA





Campo pieno di bieta cosa fare???? Una bella lasagna con sfoglie già pronte risolvono con velocità un bel piatto unico sostanzioso e poi per chi ama la verdura è un'alternativa saporita e diversa .

INGREDIENTI:
1 confezione di lasagne pronte in teglia
1 cipolla media
300 grammi di bieta cotta
olio evo qb
1 scamorza affumicata
parmigiano a piacere
1 pochino di latte (anche di soia)
1 vasetto di panna (io ho usato quella di soia)
sale qb

Laviamo e lessiamo la bieta ( per chi non avesse tempo di prepararla può usare quella congelata).Strizziamo bene la verdura, per togliere l'acqua in eccesso,  la facciamo insaporire in una padella  con la cipolla e l'olio.
Una volta preparata la mettiamo in un mixer e la frulliamo a crema aggiungendo un pochino di latte.Rimettiamo tutto il composto in padella ed aggiungiamo sale e panna. Se il composto è denso mettiamo ancora latte , ma poco alla volta, per creare una giusta cremosità. 
Cominciamo a tagliare a fettine sottili la scamorza,  dopo aver unto una teglia cominciamo a fare degli strati di crema di bieta, scamorza e parmigiano, fino al termine del condimento.
Inforniamo a 220°  forno caldo per 15-20 minuti fin quando si sarà ben dorata.

domenica 7 aprile 2013

PLUMCAKE ALLO YOGURT CON GOCCE DI CIOCCOLATO





Un bel plumcake allo yogurt ed una bella tazza di cappuccino  è proprio quello che ci vuole per alzarsi la mattina di domenica.
Facile da eseguire si lavora soltanto con un dosatore ....il vasetto piccolo di yogurt.

INGREDIENTI:
1 vasetto di yogurt magro o a piacere
3 volte vasetto di farina
2 volte vasetto di zucchero
3 o 4 uova (dipende dalla grandezza)
1/2 vasetto di olio evo oppure 1 vasetto di olio di mais
grattata di limone non trattato
1 bustina di lievito

Mischiamo zucchero con uova,aggiungiamo l'olio ,la farina, il limone, lo yogurt ed il lievito.
Se l'impasto risultasse troppo denso aggiungiamo 1 cucchiaio di latte.
Mettiamo in uno stampo di plumcake della carta da forno, e versiamo il composto livellandolo bene.
Aggiungiamo sopra delle gocce di cioccolato ed inforniamo a forno caldo a 180° per 40 minuti controllando la cottura.


sabato 6 aprile 2013

VERMICELLI DI SOIA CON VERDURE MISTE





Un bel piatto unico che richiama i sapori d'Oriente. Adoro la cucina cinese ed adoro il  modo reverenziale e curato di preparare i  loro piatti.  In questo caso, unisco a questi ottimi vermicelli tante ricche e buone verdure , accompagnate da un'immancabile salsa di soia.

INGREDIENTI:
1 confezione di vermicelli di soia
1 porro grande
1 piede di radicchio trevigiano
3 carote
2 zucchine
6 foglie di cavolo liscio
basilico
1 melanzana
1 peperone
olio evo
salsa di soia
gomasio o sale qb


Sulla confezione dei vermicelli consigliano di metterli in acqua bollente per farli ammorbidire per 4 minuti a fuoco spento.
Per mia esperienza personale, li metto 15 minuti in acqua fredda per farli ammorbidire, poi li finisco di cuocere ed insaporire con le verdure non rischiando così di avere vermicelli troppo viscidi e morbidi.
Vengono cott,i ma al dente e devo dire che sono più gradevoli.
Intanto mettiamo in un wok , l'olio e il porro tagliato a rondelle.
Aggiungiamo le verdure che hanno cottura più lunga come carote, melanzane, cavolo, peperoni  che taglieremo tutti a piccoli cubotti.
In seguito mettiamo anche le zucchine ed il radicchio con qualche foglia di basilico.
Facciamo andare la cottura a fuoco vivace e mescoliamo ogni tanto.
Saliamo o aggiungiamo un cucchiaino di gomasio ( sale marino+ sesamo tipico della cucina cinese).
Il composto non deve risultare salato perchè aggiungeremo alla fine  la salsa di soia, che contiene sale.
 Assaggiamo per non esagerare.
Quando le verdure stanno finendo di cuocere aggiungiamo i vermicelli ben strizzati e lasciamo insaporire girando circa 10 minuti.
Questo sarà il tempo necessario per cuocerli aggiungiamo la salsa di soia e facciamo insaporire bene.
Serviamoli caldi .




GNOCCHI DI PATATE AL LIMONE CON BROCCOLETTI,ASPARAGI E CUORI DI CARCIOFO




Oggi anche se non è giovedì impasto gli gnocchi di patate al limone.
 Utilizzo come condimento i prodotti raccolti nel mio orto che adoro mischiare tra loro ed  ottenere sapori sempre diversi....

INGREDIENTI per 2 persone:
4 patate medie
farina quanta ne raccoglie
10 asparagi ( ho usato i selvatici)
10 cimette di broccoli siciliani
4 cuori di carciofo
1 limone non trattat
1 spicchio di aglio
sale qb
parmigiano a piacere
olio evo

Mettiamo a bollire l'acqua salata in una pentola capiente per poi cuocere gli gnocchi. 
Intanto,a parte lessiamo le patate , facciamole raffreddare e passiamole nello schiacciapatate.
Ottenuta la purea cominciamo ad aggiungere la farina con la scorza di limone grattata e lavoriamo l'impasto fin quando non otteniamo un composto non più appiccicoso.
Nella lavorazione aggiungiamo anche un bel pizzico di sale.
Infariniamo sempre il nostro piano di lavoro e cominciamo a fare dei rotolini lunghi .
Cominciamo a tagliare gli gnocchi  che cospargiamo di farina per non farli attaccare tra loro.
Prepariamo il nostro condimento.
Mettiamo abbondante olio evo in una padella con uno spicchio di aglio.
Facciamo soffriggere ed aggiungiamo tagliati  le cimette di broccolo,gli asparagi ed i cuori di carciofo.Più piccoli vengono tagliati più si cuociono velocemente. Il condimento dopo 15 minuti è pronto.
Intanto che l'acqua bolle tuffiamo i nostri gnocchi ed al momento che vengono a galla li togliamo con una schiumarola e li versiamo nel condimento per farli insaporire.
Serviamo subito cospargendoli con del parmigiano.

venerdì 5 aprile 2013

TORTINO AL CIOCCOLATO E PEPERONCINO CON CUORE MORBIDO





La curiosità mi ha portato a provare questo tortino, devo dire che all'inizio ero perplessa sulla riuscita, ma la ricetta di Misya trovata su internet da una mia amica, ha dato un buon risultato.Potete provarlo, le dosi sono giuste e la cottura in forno per 15 minuti è perfetta. Rimane soffice, ben sostenuto quando si gira nel piatto e spettacolare quando si abbina al cioccolato fuso.Provare, provare!!!!
Nella foto ho aperto il tortino per far vedere che il cioccolato esce davverooooo!!!!

INGREDIENTI dati da Misya:
200 grammi di cioccolato fondente
180 grammi di burro
160 grammi di zucchero
4 uova
40 grammi di farina 00 (io ho messo la 0 ed è andata bene lo stesso)
peperoncino a piacere(aggiunto da me)

Pirottini di alluminio per muffin
Cacao amaro per i pirottini
zucchero a velo che ho omesso nella foto per far vedere meglio il  risultato

Si scioglie il burro con il cioccolato a pezzi.
Si trasferisce il composto in una ciotola e si aggiunge lo zucchero ed il peperoncino a piacere.
Aggiungere le uova 1 alla volta  (si amalgama bene poi si aggiunge l'altro).
Incorporare alla fine la farina e girare con una frusta .
Intanto imburriamo molto bene i pirottini in tutte le sue parti e cospargiamo di cioccolato amaro base e pareti.
Questo processo è importantissimo, perchè una volta cotti si devono staccare perfettamente dal pirottino.
Versare negli stampi il composto a circa 3/4 di altezza e li mettiamo per un ora minimo in freezer.
Si devono congelare.
Il forno è a 200° già caldo e si cuociono per 15-18 minuti .
La parte delicata sono gli ultimi minuti in forno Quando ci  accorgiamo della cottura giusta? La superficie diventa solida e al centro rimane un cerchietto più scuro ma solido.
Il tortino è pronto,lo togliamo dal forno e lo togliamo dallo stampo già sul piatto .
Vanno serviti subito per avere l'effetto del cioccolato fuso e solo all'ultimo mettiamo lo zucchero a velo.

giovedì 4 aprile 2013

RISOTTO CON ASPARAGI E CIPOLLE DI TROPEA





Gli asparagi sono di  stagione,al mercato li ho trovati freschissimi e per questo li propongo in versione risottino fumante.
Piccola variante ....la strepitosa cipolla di Tropea e dello zafferano.

INGREDIENTI per 4 persone:
400 grammi di riso vialone nano o carnaroli
15 punte di asparagi
1 cipolla grande di Tropea
1 bustina di zafferano
sedano carota  cipolla per brodo vegetale
sale qb
parmigiano a piacere

Cominciamo a fare il brodo vegetale che ci aiuterà per la cottura del riso.
Mettiamo almeno 1 litro di acqua a bollire e poi aggiungiamo sedano, carota e cipolla.
Tagliamo la cipolla di Tropea, (diversa dalle altre cipolle rosse per la sua forma allungata) la mettiamo in una pentola con  l'olio e la  facciamo ammorbidire.
Dopo 5 minuti aggiungiamo il riso per farlo tostare .
Quando i chicchi di riso sono diventati trasparenti ,aggiungiamo gli asparagi tagliati a rondelle, ai quali abbiamo tolto la parte finale legnosa  e li facciamo insaporire aggiungendo un mestolo di brodo.
Continuiamo sempre a girare il riso ed a mettere brodo poco alla volta.
Saliamo e finiamo di aggiungere brodo fin quando il risotto non sarà cotto. A questo punto in un pochino di brodo caldo aggiungiamo la bustina di zafferano( da preferire i pistilli ma non è facile trovarli)e la sciogliamo.
Versiamo lo zafferano nel risotto e continuiamo a mescolare fin quando sarà tutto di un bel colore giallo.
Una volta impiattato cospargiamo di parmigiano.

mercoledì 3 aprile 2013

SACCOTTINI DI SFOGLIA CON FUNGHI,RADICCHIO E TALEGGIO





Un' alternativa alla torta rustica usando la pasta sfoglia già pronta.
Ho scelto quella tonda ma è perfetta anche quella rettangolare.
Un saccottino a persona è sufficiente soprattutto se accompagna qualche altro piatto.

INGREDIENTI:
1 rotolo di pasta sfoglia
6 funghi champignon
1 radicchio trevigiano
50 grammi di taleggio o a piacere
olio evo
sale qb
1 spicchio di aglio

Puliamo e tagliamo i funghi .
Facciamoli saltare in padella con aglio ed olio ,aggiungiamo a questo punto il radicchio tagliato a listarelle e facciamo andare fin quando non si sarà assorbita tutta l'acqua.
Se dovesse essere molta la scoliamo e continuiamo a cuocere.
Facciamo freddare bene,prendiamo la sfoglia, la tagliamo in 4 spicchi ed adagiamo il composto diviso .
Aggiungiamo dei pezzetti di taleggio e chiudiamo a saccottino.
Inforniamo a 220 ° forno caldo  per 20-25  minuti controllare la cottura.

martedì 2 aprile 2013

CIAMBELLA SALATA CON FRITTATA





Ed ecco il post  a seguire della ricetta TORTA RUSTICA CON BROCCOLETTI E SCAMORZA  l'impasto  è stato utilizzato anche per realizzare questa ciambella.

INGREDIENTI vedi torta rustica broccoletti e scamorza sezione pizza, pane e salati.

Prendiamo la pasta lievitata, la stendiamo tonda o rettangolare, dobbiamo poi tagliarla in 6 triangoli uguali che serviranno per formare un sole con i raggi.
Una volta che abbiamo tagliato i triangoli, li sistemiamo su una teglia con carta da forno , in modo che tutte le punte siano all'esterno.
Le basi dei triangoli invece le metteremo leggermente sovrapposte all'interno come a formare un cerchio.
Dovrà rimanere un foro centrale.
Facciamo una bella frittata di 6 uova con cipolla e asparagi (scegliete voi la verdura),e quando si sarà  freddata aggiungiamo sopra delle fettine di scamorza.Tagliamo la frittata a pezzi e mettiamola intorno alla base dei triangoli lasciando il foro vuoto.
Giriamo le punte della pasta sopra la frittata e rimbocchiamo sotto alla ciambella per chiuderla. Facciamo lievitare bene, se serve anche in forno preriscaldato a 50° spento. 
Inforniamo poi a 180°per 30 minuti  fin quando sarà dorata, controllando la cottura.



TORTA RUSTICA CON BROCCOLETTI E SCAMORZA





Questo salato è stato realizzato con un impasto diverso da quello che uso normalmente.
L'impasto rimane morbido e si lavora facilmente ,qualsiasi ripieno è azzeccato.

La dose che inserisco è per questa torta e per quella che inserirò nel prossimo post

INGREDIENTI
500 grammi di farina
2 uova
1 panetto di lievito di birra da 25 grammi
100 grammi di latte
30 grammi di zucchero
1 pizzico di sale
20 grammi di burro
1 cucchiaio di olio evo


Impastiamogli ingredienti sciogliendo prima in un dito di latte tiepido il lievito.
Mettiamo in una ciotola uova, latte, zucchero,burro morbido a temperatura ambiente e l'olio.
Amalgamiamo bene ed aggiungiamo piano piano tutta la farina.
Lavoriamo l'impasto con le mani fino ad ottenere un bel panetto.
Mettiamo a lievitare fin quando l'impasto non avrà raddoppiato di volume.
Possiamo accelerare il tempo di lievitazione mettendolo in formo precedentemente scaldato a 50° e spento.
Una volta lievitato stendiamo un disco direttamente nella teglia e l'altro tra due fogli di carta da forno.
Sul primo disco stendiamo la nostra farcia,in questo caso i broccoletti ripassati in padella con olio ed aglio,con fette di scamorza affumicata,ricopriamo delicatamente con l'altro disco che adageremo sopra chiudendo girando a cordone i due strati di pasta.
mettiamo in forno a 180° per 30 minuti controllando sempre  la cottura.